A’ altare sgarrupàto nun s’appicciano cannèle.
Alle donne ormai anziane non si fanno moine.

‘A bona mercanzia trova prièsto a ghjì pe’ ‘n’àutria via.
Tutte le cose belle e buone trovano sempre chi le desidera e le prende.

 

A buono ‘ntennitòre poche parole.
A buon intenditore poche parole

 

‘A casa d’ ‘o ferraro ‘o spito ‘e lignamme.
A casa del fabbro lo spiedo di legno! Come un rubinetto che scorre a casa dell’idraulico!

 

A’ bella ‘e ciglie, tutte ‘a vonno e niscuiuno s”a piglia.
Le ragazze molto belle sono corteggiate da tutti ma nessuno se le prende. Ovvero, pensa di sposarle proprio perchè molto belle, a causa della loro avvenenza, possano aver avuto in passato esperienze che potrebbero riavere in futuo.

 

A buono cavallo nun le manca sella.
Nessuno si lascia scappare una favorevole occasione pure un ottimo affare.

 

‘A capa ‘e sotta fa perdere ‘a capa ‘e còppa.
La testa di sotto fa perdere la testa di sopra. Il sesso può far diventare pazzi o scemi.

 

‘A carocchia, a carocchia, Pulecenella accirette ‘a mugliera.
Piccoli danni ripetuti possono provocare grandi sciagure. (grazie a Alfredo Ceratto)

 

‘A casa cu’ ddòje porte ‘o diàvulo s”a porta!
Perchè offre maggiori chances alle tresche amorose di ciascun coniuge.

 

‘A casa d”o jucatore nun c’è àutro che dolore.
Perché in genere il vizio del gioco prima o poi porta alla miseria.

 

A casa, ‘e pezziente nun mancano maje.
Nelle famiglie c’è sempre qualcuno meno abbiente, ed è quello che procura più fastidi a tutti i familiari.

 

A casa d’ ‘o ‘inpiso nun parlà ‘e corda.
Chi ha sofferto non ha bisogno di chi glielo rammenti.

 

A cavallo rialàto nun se guarda ‘mmòcca.
A Cavallo regalato non si guarda in bocca. Qualsiasi regalo, anche se modesto, ha sempre un suo valore e quindi dev’essere sempre accettato.

 

‘A cera se jetta e ‘a prucessione nun cammina.
I ceri si consumano ma la processione non avanza. Si perde tempo invano.

 

A chiàgnere ‘nu muorto so’ làcreme pèrze.
Chi è morto è morto e le lacrime sono ormai inutili.