‘A chi nun tene figlie nun ghì né pe’ denare né pe’ cunziglie.
Perché chi non ha figli non è in grado di conoscere o capire i problemi e le necessità altrui.

 

A chi pazzèa cu’ ‘o ciuccio nun le mancano càuce.
Chi bazzica in un brutto ambiente deve sopportare le conseguenze.

 

A chi troppo s’acàla ‘o culo se vede.
A chi troppo si abbassa il sedere si vede. Chi si umilia o prosta in maniera eccessiva fa vedere agli altri la sua mancanza di carattere.

 

A chi piace l’ospite, nun piace ‘a spada.
I tipi sedentari amano ricevere ospiti a casa propria, piuttosto che industriarsi in nuove attività.

 

‘A cicala canta, canta e po’ schiàtta.
I tipi superficiali se la spassano continuamente e poi fanno una brutta fine.

 

‘A collera è fatta a cuòppo e chi s”a piglia se schiatta ‘ncuòrpo.
Irritarsi finisce a tutto danno di colui che si arrabbia.

 

‘A cucina piccerella fa ‘a casa granne.
Basta risparmiare sulla spesa per metter su una casa più accogliente.

 

‘A cunferenza è ‘a mamma d”a mala criànza.
La troppa confidenza porta, alle volte, alla scostumanza.

 

‘A cuoppo chino poco pepe cape.
A cuppo pieno poco pere entra. Ciò che è già colmo non si può riempire.

 

A dicere so’ tutte capace; ‘o defficile è a ffà.
Fra il dire e il fare c’è di mezzo il mare.